IL TEMPO guarda ora il nuovo video di  TŌRU feat. LUCIO LEONI

Sul polso, nel cuore, nella testa: il tempo è il tesoro riscoperto di questa epoca ma anche la paura più grande. Scorre inesorabile e non c’è modo di controllarlo ma allo stesso momento si può viverlo nel modo migliore possibile, riempiendolo di senso, ognuno con le sue coordinate. 

É questo “Il tempo” di Tōru che avvalendosi della liquida dialettica di Lucio Leoni ha dato vita a un moderno affresco di moderna confusione. Un suono tagliente, un ritmo incalzante per una grande verità: l’amore, per se stessi, gli altri, la propria dimensione.  

 

“Il Tempo” è un brano nato durante la scrittura di “Domani”, inizialmente concepito come intermezzo strumentale. Avevo tirato giù questa base elettronica basandomi su alcuni beat con i quali stavo lavorando da tempo ma , nonostante la sonorità fosse buona, il brano non sembrava assumere un carattere definito. La chiave di volta è arrivata grazie all’incontro con Lucio Leoni, avvenuto nello studio della Tana del Bianconiglio del mio produttore Nicola Baronti. Alla proposta della collaborazione Lucio si è mostrato molto entusiasta e ha buttato giù il testo del brano che ha cantato interamente. La canzone ha così assunto un carattere del tutto nuovo, grazie alle liriche di Lucio che hanno dato una dinamica tale da sembrare avere vita propria. Per questo motivo ho deciso di renderle ancora più vive, affidando un Lyric Video ad Emanuele Baronti che ha animato il testo, valorizzando ancora di più le parole di Lucio ed il significato della canzone stessa. (Tōru)

 

GUARDA IL VIDEO

 

Biografia


Tōru è il nome d’arte di Elia Vitarelli, toscano, classe 1993.
Dopo la precedente esperienza musicale con i “Fiori di Hiroshima”, band con la
quale ha pubblicato l’album “Horror Reality” (Phonarchia – 2017) condividendo
palchi con artisti del calibro di Verdena, Edda, Calcutta, Fiumani e Pollio,
decide di dedicarsi ad un nuovo progetto che nasce da una più profonda esigenza
individuale di esprimersi confrontandosi direttamente con la propria interiorità. Il nome del progetto vuole avere un chiaro rimando al romanzo di Haruki Murakami, Norwegian Wood, di cui Tōru riprende determinati universi comunicativi.  Grazie all’uso del computer, si avvicina ad una dimensione elettronica
che gli permette di trovare un giusto compromesso tra arrangiamenti
caratterizzati da sonorità moderne e uno stile che allo stesso tempo
mantenga al centro dell’attenzione una forma canzone
comunicativa e concettuale.
Tra il 2017 e la primavera del 2018 , nell’isolamento obbligato di
provincia tra le colline toscane, inizia e completa la stesura del suo
disco d’esordio.
Il disco viene co-prodotto e registrato da Nicola Baronti nello
studio “La Tana del Bianconiglio” di Peccioli (Pi) nell’estate del 2018,
grazie all’ausilio di una band di altri 3 elementi che saranno
parte integrante della presentazione live del progetto.

 

 

    Leave Your Comment Here